Benefici fiscali sul gasolio quarto trimestre 2014

Categoria: News Pubblicato: Mercoledì, 23 Dicembre 2015 Scritto da Super User

Benefici fiscali sul gasolio per autotrazione – consumi

quarto trimestre 2014

 

L’art. 61 del D.L. n. 1/2012 ha modificato il termine entro il quale deve essere presentata la dichiarazione per fruire dei benefici fiscali in favore degli esercenti l’attività di autotrasporto.

Fino al 2011 – vedi da ultimo la nostra circolare n. 95 del 14/2/2012 – la dichiarazione doveva essere presentata entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello di riferimento.

A partire dal 2012, come già comunicato nelle precedenti circolari, per effetto della modifica intervenuta, la dichiarazione deve essere presentata con periodicità trimestrale, entro il mese successivo alla scadenza di ciascun trimestre solare.

Pertanto, con riferimento ai consumi effettuati tra il 1° ottobre 2014 e il 31 d icembre 2014, la dichiarazione dovrà essere presentata entro il 31 gennaio 2015.

Per quanto riguarda i soggetti beneficiari dell’agevolazione (vedi tabella sotto riportata), nulla è cambiato rispetto a quanto comunicato nelle precedenti circolari.

Soggetti interessati.

- gli esercenti attività di autotrasporto (sia per conto proprio che per conto terzi) con veicoli aventi peso a pieno carico massimo ammissibile pari o superiore a 7,5 tonnellate;

- enti pubblici e imprese pubbliche locali esercenti l’attività di trasporto pubblico;

- le imprese esercenti autoservizi di competenza statale, regionale e locale;

- gli enti pubblici e le imprese esercenti trasporti a fune in servizio pubblico per trasporto di persone.

L’entità del beneficio, con riferimento ai consumi effettuati nel corso del quarto trimestre 2014 è rimasto pari a 216,58609 euro per mille litri di prodotto (0,21658609 euro per litro di gasolio).

 

2

I soggetti interessati all’agevolazione per il quarto trimestre 2014, devono presentare apposita dichiarazione all’ufficio dell’Agenzia delle dogane territorialmente competente entro il 31 gennaio 2015. Con riferimento alla provincia di Trento, l’indirizzo è il seguente:

AGENZIA DOGANE

DIREZIONE CIRCOSCRIZIONALE DI TRENTO

Via Vannetti, 13 38100 - TRENTO

Il modello per la dichiarazione, unitamente al software è reperibile nel sito www.agenziadoganemonopoli.gov.it

Percorso:

_ dogane (da selezionare sotto il logo dell’Agenzia in posizione centrale)

_ accise (da selezionare nel menù “in un click” sulla destra dello schermo);

_ benefici per il gasolio da autotrazione;

_ benefici per il gasolio da autotrazione 4° trimestre 2014.

Oltre al modello è reperibile la nota n. 145055/RU del 22/12/2014 e il software.

I soggetti interessati devono consegnare, in aggiunta al modello cartaceo della dichiarazione, anche il supporto informatico (esempio: cd-rom, DVD, pen drive USB) contenente i dati indicati nella dichiarazione. E’ prevista la possibilità di inviare le proprie dichiarazioni per mezzo del Servizio Telematico Doganale - E.D.I.. L’ammontare dell’agevolazione potrà essere chiesto a rimborso o utilizzato in compensazione con il modello F24. In quest’ultimo caso è necessario ottenere l’attestazione concernente la regolarità formale della dichiarazione; in mancanza della suddetta attestazione da parte dell’agenzia delle dogane, l’articolo 4 del DPR 9 giugno 2000, n. 277 prevede che è necessario rispettare il termine di 60 giorni, decorsi i quali, senza che al soggetto sia stato notificato il provvedimento di diniego, sarà possibile l’utilizzo in compensazione.

Per procedere alla compensazione mediante modello F 24 è necessario utilizzare, nella colonna “importi a credito compensati”, il codice 6740 e nella colonna “anno di riferimento”, l’anno di fruizione del credito (2015). Il termine ultimo per procedere alla compensazione dei crediti sorti con riferimento ai consumi relativi al quarto trimestre 2014 è il 31 dicembre 2015. Per le eccedenze non utilizzate in compensazione entro tale data deve essere presentata istanza di rimborso entro il 30 giugno 2016.

L’agevolazione, qualificata come credito d’imposta, va contabilizzata secondo il criterio della competenza, come un contributo in conto esercizio e non concorre alla formazione della base imponibile IRES e IRAP (art. 61, comma 4, D.L. n. 1/2012 che rimanda all’art. 6, comma 2, primo e secondo periodo, del decreto legislativo n.26/2007). Il credito d’imposta dovrà poi essere riportato nel quadro RU della dichiarazione dei redditi.

In termini generali, ricordiamo che i crediti d’imposta riconosciuti con riferimento ai consumi effettuati a decorrere dal 2012 non sono più sottoposti al limite di 250.000 euro. Questo significa che i crediti d’imposta riconosciuti con riferimento ai consumi di gasolio potranno essere compensati anche se l’importo complessivo annuo dei crediti d’imposta derivanti dal riconoscimento di agevolazioni concesse alle imprese – da indicare nel quadro RU – supera il limite di euro 250.000.

Ricordiamo, infine, che in caso di compensazione, l’importo dell’agevolazione non influisce sul limite di 700.000 euro (nuovo limite a decorrere dal 2014 – art. 9, comma 2, D.L. 35/2013) che, 3 come è noto, rappresenta – salvo eccezioni - il valore massimo delle compensazioni mediante il modello F24 previsto dall’art. 25, comma 2, del D. Lgs. n. 241/1997.

N.B.:

  • con riferimento alla compilazione del quadro A, facciamo presente che per gli esercenti attività di autotrasporto merci la colonna “numero schede” non va compilata in quanto l’acquisto di gasolio deve essere documentato esclusivamente da fattura.
  • Con la nota n. 45963 del 20/4/2012 è stato chiarito che per litri consumati (da indicare nel modello) si intendono quelli riforniti; pertanto, la data di rifornimento del gasolio costituisce il criterio per imputare i consumi al trimestre solare di pertinenza e per determinare l’importo dell’agevolazione.

Esempio - riferimento alla dichiarazione relativa al quarto trimestre 2014.

In data 28/12/2014 vengono riforniti “n” litri di gasolio. In tal caso il credito spettante, con riferimento a tale acquisto, è pari a:

0,21658609 x “n” litri

prescindendo dal momento in cui tale gasolio sarà effettivamente consumato e applicando, quale misura del beneficio, quella esistente alla data del rifornimento.

Vi informiamo, inoltre, che nel corso di un convegno relativo alla agevolazione fiscale sul gasolio tenuto presso L’agenzia delle Dogane il giorno 14 e 15 maggio 2013 è emerso che la presentazione della dichiarazione oltre il termine stabilito non comporta – per effetto di una modifica normativa del 2012 - la decadenza della agevolazione stessa (si tratta, cioè, di un termine ordinatorio e non perentorio).

Tuttavia, consigliamo di rispettare, per quanto possibile, il termine indicato (entro la fine del mese successivo a quello del trimestre di riferimento) e di approfittare di tale modifica, eventualmente, per recuperare l’accisa dei trimestri precedenti per i quali non è stata presentata – per dimenticanza o per non conoscenza della agevolazione – la dichiarazione. Vanno, in ogni caso, tenuti presenti i termini generali di decadenza biennale previsti dall’articolo 14 del testo unico sulle accise.

Visite: 2367